ALIMENTAZIONE PRIMA DEL PRELIEVO

Gli esami di laboratorio vanno eseguiti preferibilmente a digiuno per 12 ore. Ciò è obbligatorio per le seguenti indagini:

  • Glicemia
  • Colesterolo
  • Trigliceridi
  • Sideremia
  • Acido folico
  • Vitamina B12
  • Insulina
  • Acidi biliari
  • Anticorpi in genere
  • PSA
  • Tampone Faringeo

Per la PROVA DA CARICO DI GLUCOSIO occorre che nei tre giorni precedenti siano presenti nella dieta almeno 200 grammi al giorno di carboidrati da assumere in qualsiasi momento della giornata. Alcuni fra gli alimenti più ricchi di carboidrati, in ordine decrescente di contenuto sono: zucchero, riso, miele, fette biscottate, cracker, grissini, pasta, semolino, pane, cioccolato al latte, marmellata, uva secca, fichi secchi, latte in polvere zuccherato, latte condensato, biscotti, ceci, lenticchie, fagioli, patate, piselli.
Nel periodo di preparazione è necessario non sottoporsi ad esercizio fisico e a condizioni di stress diverse dal normale.
La sera precedente l’esame restare digiuni dopo la cena. Astenersi da caffé, fumo, alcool, anche durante la prova. È possibile bere acqua senza limitazioni.

MODALITÀ DI RACCOLTA DEI CAMPIONI

ESAME URINE COMPLETO

Raccogliere un campione delle prime urine della mattina, salvo diversa indicazione del medico curante. È consigliabile utilizzare l’apposito contenitore di plastica, reperibile in farmacia o presso il nostro laboratorio.


RACCOLTA URINE DELLE 24 ORE

Utilizzare un contenitore da 2 litri perfettamente pulito.
Modalità di raccolta: all’ora X (es. ore 8:00) si deve svuotare completamente la vescica e gettare le urine; quindi raccogliere con attenzione tutte le urine emesse per le 24 ore successive (nell’es. fino alle ore 8:00 del giorno successivo). Per la ricerca della calciuria e della fosfaturia è indispensabile acidificare le urine delle 24 ore aggiungendo 10ml di HCL 3M.


RACCOLTA URINE PER IDROSSIPOLINA E
TEST DI NORDIN

Nei tre giorni precedenti la raccolta delle urine, seguire una dieta priva di: collagene, carne e derivati, estratti di carne, brodo, pesce, gelati, dolci.
Si esegue sulle seconde urine del mattino a digiuno. Evitare di bere, mangiare o fumare dalle ore 23:00 della sera precedente l’esame
Idrissipolina: dopo la dieta di cui sopra, raccogliere le seconde urine dopo aver bevuto 250ml di acqua distillata (reperibile in farmacia) e segnalare sul campione la diuresi, il peso, l’altezza, l’età.
Test di Nordin: dopo la dieta di cui sopra, la mattina svuotare la vescica, bere 250ml di acqua distillata (reperibile in farmacia) o oligominerale e raccogliere le successive urine, quindi portarle in laboratorio.


RACCOLTA URINE PER MICROALBUMINURIA

La raccolta delle urine per il dosaggio della microalbuminuria deve essere effettuata in un contenitore che potrà essere acquistato in farmacia. Per l’esatta esecuzione del test deve essere raccolta la prima urina del mattino immediatamente dopo il risveglio, poiché qualunque attività fisica può alterare i dati ottenuti.


CLEARANCE CREATININA

Raccogliere le urine secondo le modalità indicate per la raccolta delle 24 ore e recarsi con le stesse in laboratorio a digiuno da almeno 5-6 ore per sottoporsi ad un prelievo di sangue.


URINOCOLTURA

Per un’accurata urinocoltura è necessario procedere ad un’accurata pulizia dei genitali esterni (lavarsi con acqua e sapone e sciacquare con abbondante acqua). Va scartata la prima parte dell’urina emessa mentre la successiva va raccolta nell’apposito contenitore sterile che va rapidamente chiuso.
Nei bambini le urine vanno raccolte in appositi sacchetti di plastica adesivi sterili che vanno applicati facendo aderire alla regione pubica ove vanno lasciati per non più di 40/45 minuti. Se la minzione non è avvenuta in questo tempo, il sacchetto va sostituito con un altro dopo aver provveduto al lavaggio dei genitali esterni. L’urina così raccolta va versata in un contenitore sterile oppure si richiude accuratamente il sacchetto e si invia subito in laboratorio.
Terapie antibiotiche e chemioterapiche possono interferire sull’esito dell’esame e vanno segnalate al laboratorio.


PROVA DELLA DILUIZIONE

Urinare e raccogliere tutta l’urina; quindi bere un litro d’acqua in circa un quarto d’ora. Da tale momento il paziente deve urinare ogni ora per 4 ore e raccogliere ogni volta l’urina in un contenitore diverso. I contenitori devono essere numerati.
Durante la prova il paziente deve restare in assoluto riposo.


PROVA IMMUNOLOGICA DI GRAVIDANZA

Consente una diagnosi attendibile circa 7 giorni dopo la data della mancata mestruazione (in rapporto alla concentrazione di gonadotropine corioniche che iniziano ad essere presenti dopo il concepimento). Raccogliere in un contenitore monouso le prime urine del mattino.


ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE

L’esame a eseguito tra il terzo ed il quinto giorno di astinenza, con il prelievo del materiale biologico in un contenitore sterile. Fare attenzione a raccogliere tutto il liquido seminale: la perdita di una piccola quantità iniziale o finale può pregiudicare il test anche in maniera notevole. Consegnare il campione al laboratorio entro 45 minuti.


SCOTCH TEST

Applicare al mattino, prima dell’ evacuazione, nella zona perianale un cerotto adesivo alla cellulosa. Lasciarlo in sede per qualche minuto e poi trasferirlo su un vetrino (reperibile presso il laboratorio). Riconsegnare il vetrino in accettazione. E’ consigliabile ripetere il test in 3 giornate.


MODALITÀ DI RACCOLTA DELLE FECI

Per l’esame delle feci completo, per la ricerca di parassiti e per la coprocultura è necessario raccogliere le feci in appositi contenitori sterili. E’ consigliabile raccogliere un campione del primo mattino, ma qualora ciò non fosse possibile è possibile consegnare feci del giorno prima conservate in frigorifero.


RICERCA PARASSITI E LORO UOVA NELLE FECI

Il campione da esaminare deve essere consegnato al laboratorio al massimo entro 2-3 ore dall’emissione. Per eseguire correttamente l’esame è necessaria una quantità di feci pari ad una noce.
Per la ricerca di ossiuri, oltre ad un campione di feci è necessario eseguire uno “Scotch Test”; il laboratorio fornisce un vetrino su cui si farà aderire il nastro adesivo.


RICERCA DI SANGUE OCCULTO

La ricerca si effettua su un campione di feci del mattino raccolte nell’apposito contenitore (reperibile in accettazione) e, possibilmente, ripetuto in 3 giornate. Si consiglia di:
Evitare il consumo di carni poco cotte, di non eseguire il test durante la terapia con antinfiammatori (che potrebbero danneggiare la mucosa dello stomaco con conseguente fuoriuscita di sangue), infine,di spazzolare i denti con delicatezza per evitare il rischio di emorragie gengivali.


COPROCULTURA

Il campione da esaminare deve pervenire al laboratorio il prima possibile. Per eseguire il test è sufficiente una quantità di feci pari ad una noce.


ESAMI DEL SANGUE

Bisogna essere a digiuno dopo un pasto serale leggero. È consentito bere acqua.


CURVE DA CARICO (es. Glucosio) TEST DI STIMOLO O SOPPRESSIONE

Al paziente a digiuno viene somministrata per via orale o per via endovenosa una sostanza o un farmaco, quindi vengono fatti più prelievi ad intervalli di tempo standard.
Durante la prova il paziente deve rimanere a riposo nel laboratorio.


FARMACI

Le modalità del prelievo sono correlate alle caratteristiche del farmaco assunto.


TAMPONE FARINGEO

Non praticare gargarismi o sciacqui del cavo orale prima di recarsi in laboratori.


TAMPONE VAGINALE

Non praticare lavaggi nella mattinata in cui si fa l’esame.